Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul pulsante COOKIES POLICY

CHI SIAMO

  • Stampa

L’I. C. “P. VISCONTI” nasce il primo settembre 2000 con l’entrata in vigore del DPR 275 dell’8/3/1999 (Regolamento dell’Autonomia Scolastica) e comprende sezioni di scuola dell’Infanzia, Primaria  e Secondaria di I grado.

 Il bacino d’utenza dell’I. C. ricade nel territorio dei Comuni di Cicerale, Prignano e Ogliastro Cilento a sud della provincia di Salerno, dove hanno sede gli uffici di Presidenza e dei Servizi Amministrativi.

Sin dalla sua nascita, l’I.C. ha inteso contribuire, con il proprio intervento educativo, allo sviluppo equilibrato del territorio ponendosi in sintonia con le richieste e le esigenze dello stesso.

Attraverso una progettualità educativa e didattica verticalizzata, ha cercato di superare le differenze tra i vari ordini di scuola integrando e valorizzando le peculiarità di ciascuno soprattutto all’interno dei vari contesti locali.

Coerentemente con le scelte educative effettuate, l’I. C. ha mantenuto la sua adesione  al Progetto Qualità (cui partecipava dall’a.s.2002/03) che si propone appunto di migliorare l’organizzazione del servizio scolastico attraverso il confronto con l’esperienza gestionale del mondo produttivo.

Il  nostro istituto è intitolato dal 1971 a Pietro Visconti, scrittore e giornalista.

Pietro Visconti nacque ad Ogliastro Cilento nel  1886. Fu scrittore, saggista e poeta. Da giornalista collaborò con il “Cittadino” di New York, con il “Roma”, con il “Mezzogiorno”, con il “Corriere di Napoli”,con “L’Italia letteraria”,con il“Corriere dell’Emilia”,e con il “Movimento Letterario”. Nel 1950 divenne condirettore de “La giustizia”, incarico che mantenne fino al 1952.

Fu un ottimo traduttore di classici latini. Tra le traduzioni ricordiamo opere di Lucrezio, Plauto ed autori inglesi come Shakespeare e Poe.

Pietro Visconti ebbe un carattere indomito ed impulsivo, fu polemista accanito ed amò moltissimo il paese natio. Ebbe molte amicizie tra le quali quella sincera con Giuseppe Saragat.

Tra gli scritti si ricordano  il “Cero Ardente” 1919, “Pietre Incise”1932, “Apollion” 1933,  “Armonie Rimate” 1956 ed i saggi “Oltre la soglia del tempo”, “Contro Vento” e “Paesaggi salernitani. Morì in Avellino nel 1958 e le sue spoglie riposano nel cimitero di Napoli.”

 

News

PIETRO VISCONTI

Ogliastro Cilento 13.2.1886 - Avellino 12.8.1958

Maestro di vita e incrollabile uomo di fede ebbe come costante riferimento la famiglia e la scuola. Fu professore nei Licei “ Sannazzaro “ e “ Bianchi “ di Napoli dove emersero le sue paterne ed illuminate doti di educatore e formatore delle giovani generazioni nei difficili e particolari   momenti della vita nazionale. Nelle sue composizioni letterarie fu ammiratore di De Santis e Croce   e sostenitore dello scrittore calabrese Vincenzo Gerace che contestava i contemporanei per le composizioni in versi liberi. Innamorato della sua terra dove sperava di ritornare, Visconti fu particolarmente dotto nelle lingue classiche non disdegnando quelle moderne che lo portarono a primeggiare nella critica letteraria dell’epoca. Integerrimo antifascista e riluttante all’esilio veniva rispettato dalla stessa corrente politica che lo aveva accanito oppositore. Dopo essere stato Capo dell’Ufficio Censura presso la Prefettura napoletana nell’immediato periodo postbellico, intraprese successivamente l’attività giornalistica divenendo direttore responsabile prima del giornale “ Roma “ di Napoli e poi de “ La Giustizia “ di Roma. Quando cominciava a mettere ordine tra libri e riviste che si erano avvalse della sua penna “ illuminata “, si spense nell’abitazione della figlia Claudia, ragione e scopo della sua esistenza.

Nel 1971 su proposta di alcuni concittadini memori e riconoscenti, esperito l’iter burocratico, gli venne intitolata la Scuola Media di Ogliastro Cilento.

                                                                 Pietro Comite